31 maggio 2019

Mugello Speed Sound Festival: non solo MotoGP

Sembra ormai passata la tendenza a criticare sempre e comunque le attività dell'Autodromo del Mugello. Forse la gente si è resa conto che quello che rappresenta il primo evento per affluenza in Italia, qualche beneficio deve pure portarlo. Allora si iniziano a tollerare due o tre giorni di confusione, che tutto sommato è una confusione disciplinata e controllata. In fondo non arrivano gli hooligans degli anni ottanta, eh. Giunto alla sua ottava edizione, ha preso il via oggi alle 18.00 il Mugello Speed Sound Festival, una rassegna musicale, gastronomica e ludica che si svolge nel centro di Scarperia, il paese a fianco dell'autodromo. Nello storico Palazzo dei Vicari è visibile una bella esposizione di moto d'epoca, mentre tutt'intorno ci sono concerti, sfilate di moda, street food e molto altro ancora. Tutto sommato si è capito che eventi come la MotoGP servono anche per promuovere e valorizzare i centri abitati nei dintorni, che non di rado presentano anche motivi d'interesse storico e culturale. All'estero l'hanno capito da tempo (basta andare ad Adenau nel weekend della 24 Ore del Nurburgring o ovviamente a Le Mans per la parata dei piloti); qui da noi c'è voluto di più ma finalmente qualcosa si muove. Ben organizzato, il Mugello Speed Sound Festival entra stasera nel vivo. Vi proponiamo alcune immagini scattate nella prima serata, poco dopo l'apertura.
















30 maggio 2019

Alcune nuove realizzazioni di Autodelta43: tre Alfa Romeo storiche in 1:43

Era un po' di tempo che non ricevevamo notizie da Maurizio Sabatini di Autodelta43. Del modellista pisano ci eravamo occupati anni fa anche sulla rivista Modelli Auto, pubblicando una visita al suo laboratorio. Presentiamo qui le tre più recenti realizzazioni, in scala 1:43, vendute solo montate al prezzo di € 230,00. Si tratta dell'Alfa 24Hp serie D in versione torpedo, che sui libri è datata 1910 ma che dopo opportune ricerche è risultata essere del '13, dell'Alfa Romeo G1 in versione quatres baquets (quattro posti) del 1921 e dell'Alfa Romeo 6C 2500S Ghia del 1947, opera di Mario Felice Boano, che aveva rilevato la carrozzeria dopo la morte di Giacinto Ghia.




















29 maggio 2019

Il Greg e la controinformazione su YouTube: le puntate dal garagino

L'altro giorno, al comitato di un'associazione di cui faccio parte, mi arriva uno dei componenti del gruppo e mi dice con aria a metà fra il pomposo e il casuale: "sai, mio figlio si è comprato la Maserati Levante". Creanza e sano menefreghismo avrebbero forse suggerito di abbozzare una risposta vaga del tipo: "ottima scelta", perché la ragione, come si dice a Firenze, va data "ai pazzi e ai ragazzi", e chiuderla lì. Invece ho avuto come un moto di ribellione e mi sono scorse davanti agli occhi tutte le macchine che si sarebbero potute comprare con la cifra necessaria per portarsi a casa uno di quei bidoni. Era chiara, poi, l'intenzione di impressionare non con la classe e la raffinatezza, ma con la mole, l'aggressività e l'inutile sfarzo tipici di ogni SUV, di lusso o meno. Segno plebeo di questi tempi. "Davvero?", gli ho risposto. "Pessima scelta. Ah, a proposito, di' a tuo figlio che se vuole impressionare me deve presentarsi come minimo con una McLaren F1 papaya orange o roba del genere. Il resto sono elettrodomestici". Mi ha guardato con aria stranita, forse un po' deluso o semplicemente disorientato. La mia era ovviamente una battuta, un'esagerazione. Già pensare di guadagnarsi l'ammirazione della gente con un'auto (qualsiasi tipo di auto) è da sottosviluppati; sbattergli in faccia la Levante, la Cayenne, la Stelvio o altre amenità simili è semplicemente naif. Certo, sono tendenze, sono mode, che peraltro indicano il livello di competenza e di maturità automobilistica della maggior parte dei guidatori. E che c'entra quel Greg nel titolo del thread? C'entra. Ormai l'informazione specializzata, italiana e non, è totalmente nelle mani delle case automobilistiche e questa non è certo una novità. Quattroruote fa copia-incolla dei comunicati dei costruttori, i giornalisti "veri" non hanno più uno straccio di potere contrattuale, figuriamoci se possono permettersi di condurre inchieste degne di questo nome o scrivere articoli in completa onestà e buona fede. Qual è la soluzione a questa deriva dell'informazione, che tende a identificarsi sempre di più con la comunicazione pubblicitaria? Il giornalismo fai da te dei social e del bimbominchia che si fa i filmati guidando la Abarth del fratello maggiore non sono una soluzione qualitativamente accettabile. Alla base non c'è una vera deontologia e una vera - ma sì, usiamola questa parola - professionalità. Oggi chiunque con un semplice smartphone può comunicare a mezzo mondo. Già, ma dire cosa? La maggior parte parla del niente e infatti mai come ora siamo sommersi da qualsiasi notizia o da foto che un giornalista serio non si sognerebbe mai di pubblicare. Nel nome della pluralità è finito tutto in vacca. Fine del pistolotto.
Il Greg

Però c'è chi con intelligenza, pur senza essere un professionista dell'informazione, ha saputo sfruttare le tante opportunità che la tecnologia offre a tutti. In Italia c'è il quasi deserto ma in Germania o in Inghilterra esistono già parecchi canali Youtube che fanno una controinformazione del tutto vicina alla vera vocazione del giornalismo. Da qualche mese ne abbiamo uno anche in Italia (anche se tecnicamente è iscritto alla piattaforma spagnola, abitando a Tenerife). Si tratta di Greg Garage, che quotidianamente sforna filmati semplicissimi e lineari sugli argomenti più vari del mondo dell'auto. Non c'è montaggio, non ci sono spezzoni storici: ogni puntata è un monologo dai toni schietti, talvolta controversi, ma sempre basati su ragionamenti coerenti, che si possono condividere o no, ma che indubbiamente non lasciano indifferenti. Con le sue inquadrature semplici (dal "garagino") il Greg (ossia Gianluca Gregis) ha il coraggio di dire cose che la maggior parte dei giornalisti non direbbe mai, ammesso che arrivasse ad elaborarle. Fra storia, attualità, economia e una viscerale passione per l'auto, i filmati di Greg arricchiscono e fanno pensare. Il canale Youtube di Greg dedicato alle auto (ne ha anche altri) sfiora ormai i 20.000 iscritti, ed è il primo in Spagna come rapporto iscritti-visualizzazioni nella sezione motorismo. Lo sarebbe pure in Italia se fosse iscritto qui, come ho già detto. Il mio consiglio è di spendere qualche ora a guardare alcune delle sue puntate dal "garagino". Ne vale davvero la pena. Il canale potete trovarlo a questo link:
https://www.youtube.com/channel/UCcbmyqhzxR3SLbMrBicYTUw
E mi raccomando, mettetegli "like, stralike, megalike". Su Gregis, cercando su Google e altrove, troverete pareri contrastanti, alcuni anche molto negativi su aspetti che non riguardano la rilevanza del lavoro che sta svolgendo oggi su YouTube. Ognuno avrà la propria opinione, su tutto. Concludo giustapponendo il Greg a Davide Cironi, un altro che ha rivoluzionato un certo modo di fare YouTube con l'automobilismo. I due non potrebbero essere più diversi, ma entrambi, e questo è ciò che conta, stanno lasciando un segno. Chi desideri attingere da fonti alternative per guardare le cose con un'ottica diversa non dovrebbe trascurare quanto stanno producendo.

OttOmobile: grande successo di pubblico per la festa del decennale


Si è svolta lo scorso weekend la rassegna organizzata da OttOmobile in occasione del decimo anniversario dalla fondazione. L'appuntamento era nella zona industriale di Josselin, in Bretagna, dove OttOmobile ha sede. Erano in programma diverse attività legate al mondo del modellismo ma anche delle vetture reali. Oltre 4000 visitatori sono intervenuti all'evento. E dire che gli organizzatori ne avevano previsti un migliaio...! Nell'occasione è stato riedito un modello storico di OttOmobile, la Renault Clio Williams 1:18 in serie limitata. 
Una gallery di foto è visibile direttamente sul sito ufficiale: 
http://10ans.otto-models.com/home/?utm_source=sendinblue&utm_campaign=Remerciement_prsence_10_ans_OttOmobile__EN&utm_medium=email

26 maggio 2019

"Modern Specialist" motorizzato Porsche 356: un'autocostruzione di Massimo Martini


I lettori del blog hanno mostrato di apprezzare alquanto le creazioni di Massimo Martini, le cui ultime opere sono delle autocostruzioni complete, come l'hot rod del Pikes Peake che abbiamo già presentato in queste pagine. 

Stavolta vi proponiamo le immagini relative del Modern Specialist, un dragster motorizzato Porsche 356 che venne impiegato nei primissimi anni sessanta. Fu pilotato da Doug Church soprattutto nella striscia di asfalto di Blackbushe e malgrado la modestia del motore, il veicolo era capace di una velocità massima di circa 115 miglia orarie, vale a dire oltre 180 km/h. 






Il modello, in scala 1:43 come tutte le creazioni di Massimo Martini, è stato autocostruito in plasticard, stucco e materiali vari (alluminio, resina e pezzi di recupero). Diverse problematiche si presentano nella realizzazione di questi progetti, ma Martini è in grado di risolverli brillantemente in corso d'opera. Insomma, Massimo è uno che prende e parte, senza avere tutte le idee precise su come certi nodi potranno essere sciolti. Anzi, è proprio la necessità di risolvere i problemi che lo separano dal completamento del progetto che sembra suggerirgli le idee più semplici e brillanti (l'uovo di Colombo?). Questo dragster ha richiesto anche l'autocostruzione dell'intero motore e la realizzazione di cerchi anteriori e posteriori specifici. 




Le ruote anteriori, tanto per fare un esempio, derivano da una vecchia motocicletta della Britains, alle quali sono stati abbinati degli o-ring per simulare le strettissime gomme. Insomma, è una sfida continua e il risultato appaga pienamente l'occhio. 


Ora che il secondo mostriciattolo americano è stato completato, non resta che sperare nella realizzazione del proverbio "non c'è due senza tre"...